Christie Digital Christie Digital

Guinness video mapping

Primo birrificio della Guinness in 25 anni celebrata da un’incredibile e tecnicamente impegnativa mappatura 3D animata di Avtek AV

Avtek

United Kingdom

Corporate AV

Roadster HD20K-J, Roadster HD18K, Pandora’s Box

Guinness video mapping

Avtek Solutions di Dublino ha intrapreso uno dei suoi progetti pixel-mapping tecnicamente più impegnativi nel supportare il lancio della Brewhouse 4 di Guinness. Un concept creativo geniale, l'idea è stata quella di videomappare la storia della Guinness in 3D su una gigantesca birra in metallo nel birrificio. Si è rivelata essere una prodezza tecnica e artistica che ha coinvolto sei agenzie creative e una serie di problemi tecnici da risolvere che comprendevano logaritmi da capogiro (per tracciare la proiezione intorno al fusto), gestendo l'automazione totale dal SMPTE e l’esecuzione dei proiettori ai 35 gradi del birrificio. Per non parlare di una battuta di caccia in tutto il mondo per trovare dei 'calzini' giganti da trasformare in fusti di birra sugli schermi di proiezione tridimensionale.

La nuova fabbrica di birra, la prima ad aprire presso la sede di St James Gate dal 1988, è costata £135m e, in quanto era più grande costruzione singola del paese nel 2012, era giustificata un'inaugurazione con una presentazione audio-video spettacolare.

Di fronte a una serie di ospiti VIP, che hanno preso il loro posto in una tribuna su più livelli in un periodo di tre giorni, nove reti controllate di proiettori Christie HD hanno dato vita alla storia della Guinness su degli enormi fusti di birra, che producono una quantità di 1 miliardo di pinte di Guinness all’anno. L’effetto è stato sensazionale, come potete vedere nel video qui sopra. Anche se l’evento è durato tre giorni, il birrificio si è fermato solo per un giorno.

La storia della Guinness, come mai vista prima

Il concept è partito da Verve, la più grande e indipendente società di produzione di eventi dal vivo in Irlanda, che poi ha incaricato Avtek della fornitura tecnica dello sviluppo di Guinness utilizzando contenuti animati mappati in 3D. Avtek ha schierato due proiettori Christie Roadster HD20K-J e sette ulteriori Roadster HD18K di - tutti collegati in rete tramite Christie RoadTools 'Virtual Remote, e gestito in modalità wireless da un computer portatile.

Il successo di questo progetto dipendeva dalla stretta collaborazione tra tutte le agenzie in fase di preparazione, attraverso un mock-up 3D, utilizzando il software Cast WYSIWYG, che permette ai progettisti di esplorare un ambiente virtuale e le posizioni del proiettore da identificare.

La squadra di Avtek, nel frattempo, aveva bisogno di attingere a tutta la loro abilità per tracciare gli angoli di proiezione acuti preservando la visuale (e mantenendo le fonti fuori dalla vista). Le temperature di funzionamento sono state monitorate su RoadTools ei timori che i proiettori dovressero avere difficoltà di funzionamento in condizioni di funzionamento in birreria a 35°C si sono dimostrati infondati, i meccanismi interni hanno funzionato molto bene in condizioni da 35 gradi. Avtek ha ulteriormente minimizzato i rischi con ventilatori che sono stati legati ai proiettori per assicurare la dissipazione dell'aria calda.

La storia in sé era mappata a pixel su cinque bollitori conici (grandi fusti di birra della Guinness). Una delle tante (e piuttosto inusuali) sfide era che questi dovevano essere rivestiti in una speciale ‘calza’ resistente al calore - colorata per imitare la finitura in alluminio. Dopo aver provato vari materiali elastici una soluzione è stata finalmente trovata e prodotta da Vinehall Displays.

Il direttore di Avtek, Tony Lanigan, ha spiegato, "la scena di apertura è stata proiettata su un tessuto nero direttamente di fronte alla zona del pubblico che si divideva su una pista motorizzata per rivelare la fabbrica di birra in tutto il suo splendore della proiezione a mappatura".

Un'altra sfida si è presentata con uno spettacolo che includeva la cornucopia di illuminazione dinamica ed effetti speciali, tra cui LED, nebbia, luci stroboscopiche e raggi laser intorno ai bollitori. Avtek ha lavorato a stretto contatto con Continental Lasers per le sequenze finali per garantire che i raggi non venissero sparati direttamente nelle lenti del proiettore. "A causa di questo, abbiamo dovuto fare la programmazione con gli occhiali - e poi in slo-mo per assicurarsi che nessuna delle luci colpisse le lenti", ha spiegato Lanigan. I laser quindi dovevano essere ricalibrati ogni mattina.

"Questo è stato uno dei vantaggi dell’avere una connessione di rete remota per i proiettori," ha continuato. "RoadTools è stato molto utile in questo senso - perché una volta che i proiettori sono in aria si cerca di non andarci vicino, potevamo aprire o chiudere le lenti con un clic del mouse".

Il contenuto è stato alimentato verso i proiettori da quattro server Quad Box Pandora, mentre il software di animazione è stato progettato da Projection Artwork (UK) e sviluppato in Pandora’s Box Widget Designer Pro - con tutti i server touch-screen azionati tramite pannelli personalizzati. Tutti i server, le sequenze luce e laser sono state controllate da una traccia audio 5.1 in esecuzione time code SMPTE, la colonna sonora suonata attraverso gli altoparlanti NEXO di Avtek.

Avere gli strumenti giusti per il lavoro - fusione, deformazione e trasformazione

Tutti i proiettori Christie avevano dei compiti specifici nella missione. I due proiettori HD20K-J sono stati scelti per la proiezione sulla tela perché sembravano più tranquilli rispetto all’HD18K, in quanto operano in un campo audio diverso - e questo è stato di vitale importanza, dal momento che sono stati portati sul retro della zona pubblico a più livelli.

Le altre sette reti HD18K nel frattempo sono state utilizzate sul resto dei bollitori dotati di un assortimento di ottiche fisse da 1.1: 1 e obiettivo zoom grandangolare 1.4-1.8:1 ILS, con il fusto in primo piano (più vicino al pubblico) che richiedeva un’ottica fissa - 0.67: 1 ILS e alcune tecniche di deformazione davvero artistiche, utilizzando il software Twist Christie assistito dal Pandora’s Box Warper. "I proiettori non potevano ritornarci quindi è stato difficile deformare questi oggetti conici, in particolare con l'obiettivo 0.67 che abbiamo dovuto utilizzare per il bollitore più vicino", ha dichiarato Lanigan.

Avtek ha lavorato a stretto contatto non solo con Continental Lasers, ma anche con Peter Canning di High Res Lighting - importante agenzia video e compositing, The Lightroom, per garantire che le diverse atmosfere fossero complementari e interattive. Questo comprendeva l'uso generoso di retroilluminazione per creare sagome e altri effetti speciali, come uno schermo a nebbia rivestito con in tela bianca per dissipare la nebbia.

Riassumendo il progetto, Tony Lanigan si è detto soddisfatto dei livelli di produzione che sono stati raggiunti. Le preoccupazioni primarie del potenziale surriscaldamento erano state superate (con l'ausilio del monitoraggio di Christie RoadTools), gli angoli di proiezione acuti sono state coordinati con successo mantenendo la fonte lontana dalla linea di vista e facendola lavorare entro i confini di diversi gradinate; questo aveva dettato la posizione del traliccio in alto, sopra le travi del tetto, dove Avtek è riuscita a nascondere i proiettori Christie.

"Sono rimasto basito del fatto che avremmo potuto consegnare il progetto senza intoppi ed essere coinvolti in uno dei più grandi lanci dell'anno", ha concluso. "E’ stata usata un sacco di trigonometria complessa per avere le giuste angolature e sono contento che siamo riusciti a utilizzare la tecnologia al suo massimo potenziale, in quella che è stata certamente una delle sfide più difficili che abbiamo mai intrapreso”.

Need  help? Contact us.