Christie Digital Christie Digital

Tecnologia del proiettore a Bühne Baden

Un certo numero di produzioni teatrali utilizzano i proiettori luminosi di Christie.

Auvis

Austria

Performing arts

Christie D12WU-H 1DLP

Dr Jekyll, Peter Pan & Baloo. Addio diapositive

Cascate in giungle tropicali, vicoli bui di una Londra del passato, vele rigonfie di una nave pirata... Sono solo a alcune delle ambientazioni che gli autori hanno usato per trasportarci nel cuore delle loro storie e in una grande avventura.​

La stessa iconografia visiva usata oggi nei film e che i teatri usano da decenni per trascinare con se il pubblico, seduto al proprio posto. Una tecnica che il Bühne Baden impiegò non molto tempo dopo il suo restauro nel 1909.

 

L'attore, l'imperatore & il magistrato

Lo Stadttheater Baden in Austria, più comunemente conosciuto come Bühne Baden, aprì i battenti molto tempo prima. Nel 1774 l'attore Johann Matthias Menniger ritornò a Baden e, in stretto contatto con l'imperatore Giuseppe II, gli chiese una casa per la commedia a spese dell'Imperatore per sostituire il fienile utilizzato per le performance. Una richiesta che portò a più di 150 anni di disputa tra artisti, registi, imprenditori e governi locali impegnati nel voler offrire spazi competitivi per le arti dello spettacolo a Baden.

Nel 1898 una miriade di imprese erano a rischio di rovina, incendio e scarsa igiene, spingendo la comunità della città a creare una competizione architettonica per creare una nuova location. Tuttavia nessuna di queste speciali proposte passò mai e dieci anni dopo la comunità intraprese un progetto di "riparazione generale" al costo di 15.000 fiorini.

A un centinaio d'anni dal progetto di riparazione generale, Bühne Badenhave si è allontanato dalle diapositive per passare alla proiezione digitale. Tutto questo a costi notevolmente inferiori ai 15.000 fiorini di un tempo (gli storici affermano che oggi il valore di un fiorino si attesterebbe tra 200 e 400 euro) e con una decisione raggiunta molto più rapidamente rispetto ai precedenti investimenti nel Bühne Baden. Il direttore tecnico Christof Lerchenmüller ne spiega il perché.

 

Dalle diapositive al video

"Stava diventando sempre più difficile, perché non c'erano più sviluppatori per le diapositive. Così abbiamo deciso di cercare una soluzione con i videoproiettori".

"I teatri stanno usando sempre di più la proiezione digitale per l'ambientazione delle sale. Una direzione naturale per i nostri team di produzione. Questa tecnologia ci risparmia molte ore di lavoro nel laboratorio di pittura, così come molte spese relative ai materiali e alla stampa di grandi formati", spiega Lerchenmüller.

Tuttavia, progettisti e direttori devono comprendere non soltanto le opportunità offerte dalla proiezione, ma anche i propri requisiti ed evitare di trascorrere troppo tempo a modificare immagini e video. Il coinvolgimento della tecnologia di proiezione tramite server multimediali richiede un'interazione più intensa tra illuminazione e video/audio, oltre a richiedere maggiori test prima di presentarlo ad un pubblico pagante. "Per fortuna in questo ora siamo abbastanza esperti", conclude Lerchenmüller.

 

5.5m richiede precisione

Data la dimensione del set design che volevano sostenere, il teatro alla fine ha deciso per tre proiettori Christie D12WU-H. I proiettori sono montati verticalmente su un backstage alto 3 metri e proiettano su uno schermo a proiezione posteriore di 11 x 5,8 m sul retro del palco e sono connessi al server multimediale tramite cavi in fibra ottica HD-SDI. "Christie D12WU-H offre un ottimo rapporto qualità/prezzo per questo tipo di applicazione", spiega David Chmel di Auvis, partner di Christie.​

C'erano tuttavia limitazioni di spazio da considerare: "la distanza di proiezione posteriore è di soli 5,5 metri ei due proiettori esterni sono solo a 2,5 metri di distanza, quindi è richiesta precisione", spiega Chmel. Lerchenmüller aggiunge: "Abbiamo scelto Christie D12WU-H perché la luminosità dei proiettori, che usano solo 1,1 kW ciascuno a piena intensità luminosa, era la cosa più importante". Inoltre la loro silenziosità è essenziale per il loro utilizzo in sala. Con una potenza luminosa di 12.000 lumen ciascuno, i proiettori D12WU-H con risoluzione WUXGA sono alcuni dei dispositivi 1DLP più compatti e più luminosi disponibili sul mercato.

 

27 set differenti in 2 ore

La nuova installazione è stata utilizzata per la prima volta per la produzione de "Il libro della giungla". Lo spettacolo per bambini, basato sul romanzo di Rudyard Kipling, ha avuto la sua prima mondiale al Bühne Baden ed è proseguita per tutto il mese di ottobre 2017. Le immagini utilizzate consistevano in un collage di varie fotografie da vacanza, digitalizzate e messe insieme, accompagnate a un video con cascate animate, flussi e onde che trasportavano direttamente l'audience nell'atmosfera della giungla.

Fino al 2 settembre, i proiettori hanno fornito anche le immagini di sfondo per il musical "Dr Jekyll e Mr Hyde". "La sfida con questo musical consisteva nel mostrare 27 set diversi in due ore", racconta Lerchenmüller. A tal fine, il team di direzione ha lavorato con proiezioni posteriori altamente distorte. L'interazione tra il set, la macchina del fumo, l'illuminazione e le proiezioni posteriori ha mostrato un lato ancora più oscuro della fine del XIX secolo a Londra, aggiungendo a questo la forza della performance degli attori.

 

Photos: ©Theater Baden / Christian​ Husar

 

Prodotti Correlati

Need  help? Contact us.