Christie Digital Christie Digital

Arte sperimentale in Christie 3D

I visitatori di una galleria d’arte lo hanno scoperto di persona con un incredibile installazione stereoscopica.

Condividi Questa Storia

Canada

Museums & science centers

Mirage HD14K-M

Arte sperimentale in Christie 3D

In un pomeriggio qualunque, Ruth Gibson scoprì il nome di un luogo intrigante sulla mappa di alcune remote isole artiche vicino alla Norvegia. 'Abbandonata' a quanto pare il suo nome, un vero e proprio luogo nell'arcipelago delle Svalbard. Quindi, quando gli artisti sperimentali Ruth Gibson e Bruno Martelli vinsero l’ambita residenza artistica estiva di Christie, presso la nostra sede canadese ed ottenuto quello che Bruno considera un ‘raro accesso' a 12 proiettori DLP stereoscopici Mirage, poterono creare un lavoro davvero ambizioso: 'Alla ricerca di Abbandonata'.

Si tratta di un'esperienza totalmente coinvolgente in cui è possibile scorazzare sopra – le vere – montagne, valli e sugli avvallamenti di 'Abbandonata', tracciati elettronicamente dai dati sull’altitudine presenti su una mappa. Rappresentati fino alle minime coordinate in bianco e nero, e proiettati sulle pareti e sul pavimento, rendono un'esperienza incredibile che sembra circondarvi.

La storia risale a qualche anno fa, al 2010, quando Bruno partecipò ad una spedizione in barca, su richiesta di Gibson, per trovare 'Abbandonata'. Fece quel viaggio a bordo di una barca a vela vecchia almeno 100 anni, non rivelando la scoperta nei successivi tre anni.

La residenza di Christie, nell'estate del 2014, gli diede poi la possibilità di lanciare una prima mondiale al 3D HIVE di Christie, situato nel centro della comunità (un vecchio magazzino) di Kitchener, Ontario, vicino alla nostra sede canadese.

Fu qui che a Gibson e Martelli venne concessa quella che loro apprezzarono come un’insolita occasione di avere accesso a un tipo di tecnologia che, "viene data generalmente a persone tipo ingegneri, ma non agli artisti ~ spiega Martelli”. Utilizzando 12 proiettori DLP stereoscopici Christie Mirage, il loro ambizioso lavoro, Alla Ricerca di Abbandonata, venne alla luce come parte della Biennale CAFKA14.

Onorati di essere stati nominati ufficialmente artists-in-residence di Christie, la loro reputazione assunse un nuovo slancio con la presenza tra il pubblico del presidente di Christie, Gerry Remers - un incontro che in seguito avrebbe portato ad ulteriori iniziative.

Iniziò quindi un rapporto con la società, poi proseguito anche nel Regno Unito.

Dopo pochi mesi, i due collaboratori, con sede nell’East End di Londra, sono stati avvicinati dal curatore della Galleria QUAD a Derby e invitati ad esporre come QUAD Digital Fellows. "Abbiamo mostrato loro il lavoro, gli è piaciuto moltissimo e abbiamo deciso di mettere insieme tre parti dell’opera che non erano mai state mostrate insieme, ispirati dall’esplorazione artica".

La mostra presenta un desolato e coinvolgente deserto artico raffigurato in questo paesaggio digitale come parte di una trilogia di opere dal titolo 80° N. Ancora una volta utilizzando i proiettori Christie dare vita alla loro creazione Abbandonata in 3D durante un periodo di due mesi.

Questa volta il mondo di Gibson/Martelli è stato ridimensionato, dal coinvolgente HIVE visto a Kitchener ad una versione a due schermi (pavimento e rivestimenti) - con un paio di proiettori Christie Mirage HD14K-M. Questa disposizione da 12.000 ANSI lumen grazie alla doppia lampada da 450W, risoluzione Full HD e fino a 2500:1 di contrasto - combinati con Christie Twist™ incorporato – ha reso una performance elevata per gli utenti 3D.

Senza il supporto di Christie, il lavoro sperimentale e di ricerca nel VR e motion capture di Gibson e Martelli non sarebbe mai stato realizzato a questi livelli, hanno riconoscono loro stessi.

Pertanto gli artisti si sono sentiti sollevati per il fatto di ritrovare lo stesso livello di back-up a Derby, come ha annunciato la Galleria QUAD per 80º N. Questa trilogia è il risultato di un progetto di ricerca di quattro anni che si incentra su un’esplorazione artica che "contempla la schiacciante potenza della natura, la sua bellezza e la sua vulnerabilità", come spiega Bruno.

I visitatori della Galleria QUAD sono stati invitati a indossare occhiali stereo attivi e ad osservare l'Artico da una prospettiva in prima persona; in Abbandonata potevano vedere il terreno in stereoscopia accompagnati da una colonna sonora audio complementare, generata in parte dalle modalità con cui si navigava il terreno - grazie alla loro collaboratrice canadese, David Jensenius.

Sia Ruth Gibson che Bruno Martelli ricordano il ruolo del presidente di Christie nel portare l'iniziativa di Abbandonata in tutto il mondo. "Gerry Remers ci vide la sua infanzia", ricorda Gibson. "Lo avevo contattato dal nulla e non potevo credere che si ricordasse di quando ci eravamo incontrati. Il team di Christie è stato davvero di supporto - sia in Nord America e poi ancora nel Regno Unito".

Hanno consultato Christie sui modi migliori per ottimizzare lo spettacolo. Gli è stata fornita una torre da ponteggio e gli artisti raccontano di essersi sentiti in debito per l'assistenza ricevuta da Christie con Carl Fowler, James Belso, Robert Sayer e Paul Roppa (Christie UK). "Ci hanno anche aiutato con l'elaborazione di piani precisi - in realtà niente di tutto questo sarebbe esistito senza Christie", spiegano.

Questa assistenza ha incluso un invito alla sede centrale EMEA di Christie a Wokingham, per ricevere consigli sull’operabilità dei loro computer e sulla scheda grafica esistente. Di conseguenza, si sono aggiornati con una scheda grafica NVIDIA Quadro che è stata alla guida dei due schermi in stereo; WorldViz ha concesso una licenza per il loro software Vizard che trasmetteva i dati OSC nel software di elaborazione audio SuperCollider.

"Abbiamo raggiunto totalmente tutto quello che volevamo e con i proiettori abbiamo lavorato benissimo", ha affermato Bruno Martelli. "Hanno un sacco di caratteristiche e siamo tutti soddisfatti”.

Martelli e Gibson sono stati coinvolti a degli incontri durante la stagione di Derby, e ad una serata "In Conversation" con il curatore Richard Ducker. "E' interessante confrontare e contrapporre diverse configurazioni Virtual Reality Glasses e CAVE, forniscono diversi tipi di coinvolgimento. Con le nostre immagini abbozzate wireframe e quando qualcosa è coinvolgente come questo, il cervello diventa veramente bravo a colmare le lacune", racconta Bruno.

Cita il mondo del gioco come ispirazione per portare lo spettatore quasi ad un "eccesso di realtà". Spiega, "mentre è possibile puntare allo stesso livello di realismo, credo sia meglio lasciare che sia il cervello delle persone ad assumere il controllo durante la creazione di un mondo virtuale, dando spazio alla fantasia".

Il Direttore della Biennale CAFKA, Gordon Hatt, ha così commentato: "il lavoro di Gibson e Martelli spinge sia la capacità dell’avanguardia della tecnologia di visualizzazione che la nostra comprensione di dove l'arte contemporanea può portarci". Christie è lieta di aver fatto la sua parte.

80ºN è prodotto in associazione con QUAD, supportato da Arts Council England e CAFKA14 - con la generosa sponsorizzazione di Christie & WorldViz

 

Le opere Gibson/Martelli sono presenti in gallerie e festival d'arte di tutto il mondo.

Prodotti Correlati

Need  help? Contact us.