Christie Digital Christie Digital

Lo spettacolo operistico fa colpo

Christie Boxer prepara la scena di Carmen per il palcoscenico sullago al Festival di Bregenz

Condividi Questa Storia

publitec Präsentationssysteme & Eventservice GmbH

Austria

Performing arts, Rental & staging

Christie Boxer 4K30, Roadster HD20K-J projectors​​​

Lo spettacolo operistico fa colpo

Cosa hanno in comune James Bond e Carmen? A prima vista, non molto - eppure entrambi sapevano già come sfruttare appieno lo scenario unico di Bregenz Seebühne. Il più grande palcoscenico sul lago del mondo, situato nelle acque del Lago di Costanza a Bregenz, in Austria, è la star del Festival di Bregenz che si svolge ogni anno tra luglio e agosto. L' 'Opera sul lago' attrae gli appassionati di cultura e opera a Bregenz nei mesi estivi dal 1946. La tribuna offre spazio a poco meno di 7.000 spettatori, mentre il palcoscenico sul lago è stato insignito del titolo di palcoscenico sul lago più grande del mondo.

Le produzioni pionieristiche dell'opera con scenografie mozzafiato e l'uso innovativo di tecnologie all'avanguardia hanno reso il Festival di Bregenz noto, ben oltre i confini nazionali nel corso degli anni. In effetti, è diventato così famoso che i creatori del film Bond del 2008 "A Quantum of Solace" hanno integrato nel film il gigantesco occhio blu come scenografia per la "Tosca" di Puccini nel programma 2007-2008 - tra cui alcune scene della performance dell'opera.

Per la premiere di "Carmen" di Georges Bizet nel 71° anno del festival, i produttori hanno optato per una mappatura di proiezione non meno impressionante. Quattro Christie® Boxer 4K30 e due proiettori Roadster HD20K-J hanno proiettato immagini nitidissime sulle 62 carte da gioco del palcoscenico. Per "Carmen" nella stagione 2017-2018, prodotta da Kaspar Holten, ex direttore dell'Opera della Royal Opera House di Londra, due colossali braccia femminili si sollevavano dall'acqua e lanciavano in aria una serie di carte da gioco.

 

Le carte vengono rimescolate

L'elaborato disegno scenografico è stato creato dall'artista britannica Es Devlin, che aveva già lavorato con pop star come Adele e U2 e che era responsabile dello scenario delle cerimonie di chiusura ai Giochi olimpici di Londra. Sostiene di essere stata ispirata dalla scena in cui Carmen legge il suo terribile destino nelle carte. Le carte da gioco non sono solo lo scenario, ma anche il pavimento del palco fatto di carte da gioco intrecciate, su cui un team di cantanti, ballerini e acrobati trasforma l'opera più famosa di Bizet in uno spettacolo unico, accompagnato da fuochi d'artificio.

Ciascuna delle carte, che misura circa 4,3 per 7 metri, funge da schermo di proiezione individuale. Un totale di sei proiettori Christie ad alta intensità sono stati in grado di fornire proiezioni per l'intero set scenico. "All'epoca avevamo già due proiettori Christie Roadster HD20K-J e stavamo cercando quello che meglio li avrebbe accompagnati per soddisfare queste richieste tecniche. Con quattro macchine Christie Boxer 4K30, abbiamo trovato esattamente il giusto set-up", spiega Markus Holdermann, vicedirettore delle luci al Bregenz Festival.

Tutti i proiettori dovevano combinarsi per creare un'immagine complessiva unificata. Non potevano esserci differenze significative in grado di compromettere l'integrità dell'effetto del set design. Inoltre, le immagini dovevano rimanere assolutamente nitide anche oltre l'enorme distanza di 60 metri tra la torre di illuminazione e il palco del lago. Questo ha richiesto i 30.000 lumen ANSI consegnati dal Christie Boxer 4K30. I proiettori e il media server utilizzati sono stati forniti da publitec, uno specialista nella vendita e noleggio di tecnologie per eventi di alta qualità. Holdermann afferma: "publitec si è dimostrato un partner capace e affidabile".

I proiettori sono stati installati in sale di proiezione nella zona di produzione e distribuiti in tutto il set. Vengono proiettate varie immagini animate di carte da gioco, oltre a immagini di un torero e un'arena della corrida. C'erano anche immagini dal vivo dei cantanti, registrate da due telecamere live e una camera remota. "Ciò significava ch e potevamo mostrare le varie scene senza grandi cambiamenti al set, così come avvicinare le singole arie al pubblico, per renderle più efficaci", spiega Holdermann.

La disposizione individuale delle carte in 3D significava la possibilità di visualizzarle da un gran numero di angolazioni diverse. L'effetto intenso che ne risultava poteva essere raggiunto solo con la precisione totale degli operatori dei proiettori. "Ci sono oltre un centinaio di spunti su tutta la produzione. Non devono solo venire al momento giusto; devono anche essere indirizzati precisamente verso le carte", aggiunge Andre Großproduct manager di publitec.

La tecnologia LED moderna, utilizzata in molti progetti teatrali, era fuori discussione in questo caso. "Un'immagine complessiva omogenea, in particolare una morbida, in cui le carte guardano da ogni angolo come se fossero state dipinte, può essere raggiunta solo con la proiezione", conferma Holdermann. Groß la vede allo stesso modo: "Un'altra cosa decisiva qui da un punto di vista tecnico è l'angolo da cui verrà visualizzato - I LED non funzionano a certi angoli di inclinazione, e le carte da gioco sul palco sono tutte inclinate in diverse direzioni. "

La moderna tecnologia LED, utilizzata in molti progetti teatrali, era fuori questione in questo caso. "Un'immagine complessiva omogenea, particolare morbida, in cui le carte si osservano da ogni angolo come se fossero state dipinte, può essere raggiunta solo con la proiezione", conferma Holdermann. Groß la vede allo stesso modo: "un'altra cosa decisiva qui, da un punto di vista tecnico, è l'angolo da cui viene visualizzato - I LED non funzionano a certi angoli di inclinazione e le carte da gioco sul palco sono tutte inclinate in diverse direzioni".

 

Perfezione sopra, dentro e sotto l'acqua

Una sfida speciale per il team tecnico era rappresentata dalle condizioni meteorologiche a volte avverse, come alla premiere in estate: la pioggia è stata annunciata e le luci d'avvertimento della tempesta stavano lampeggiando sul lago. "Il palcoscenico si deforma quando esposto al sole, all'umidità e al vento", afferma Holdermann. La regolazione dell'immagine della proiezione è stata una delle insidie più particolari. Andreas Flemming, CEO di publitec, spiega: "Christie Boxer 4K30 è perfettamente adatto a un'impresa così impegnativa per le sue dimensioni compatte e il peso ridotto e, soprattutto, per la sua robustezza". Inoltre, il suo funzionamento intuitivo e le semplici opzioni di regolazione hanno assicurato che gli operatori dietro le quinte fossero sempre padroni della situazione. Sopra, dentro e sotto l'acqua.​

Per inciso, i proiettori stessi erano assolutamente ignari del tempo sempre mutevole: "fortunatamente siamo stati in grado di posizionare i proiettori nelle nostre sale di proiezione, quindi non erano esposti alle condizioni meteorologiche", spiega Holdermann.

In ogni caso, nessuna 'lavata' alla premiere. I cantanti, tra cui "Michaela", che cantava la sua aria a 15 metri d'altezza; i ballerini, che si esercitavano con le caviglie nell'acqua per motivi di produzione; gli stunt, che si calavano giù dalle carte più alte, attiravano il pubblico nel loro incantesimo. In modo piuttosto coerente al contesto, in questa produzione, Carmen non viene pugnalata a morte da Don José, ma annegata nei torrenti del Lago di Costanza.

Questo potrebbe essere troppo spettacolare per alcuni puristi dell'opera, ma è andata bene con il pubblico, che ha resistito nonostante la pioggia la sera della prima. "Siamo stati in grado di registrare una stagione di grande successo, in sold-out anche prima della premiere. Un palcoscenico di questa scala, in un design naturalistico, sono particolarmente efficaci e le trasformazioni che subiscono grazie alle proiezioni la rendono un'esperienza indimenticabile", sorride Holdermann.

'Carmen on the lake stage' dovrebbe risorgere nel 2018, probabilmente con qualche piccola modifica. "Siamo stati in grado di realizzare il concept nel miglior modo possibile. In particolare per quanto riguarda la luce e la multimedialità, il risultato è stato un successo totale. Dal mio punto di vista non sono necessari cambiamenti importanti", conclude Holdermann.

 

© Bregenzer Festspiele/ Karl Forster

Prodotti Correlati

Need  help? Contact us.