Christie Digital Christie Digital

“La velocità, le curve e il suono.”

Christie e Newmedia hanno unito le forze per presentare la nuova moto Honda con un incredibile show audiovisivo

Condividi Questa Storia

NewMedia

Spain

Rental & staging, Automotive

Christie Roadster HD20K-J

“La velocità, le curve e il suono.”

"Ho avuto un'esperienza davvero emozionante oggi. Non è facile esprimere a parole la sensazione che si prova quando si guida una moto come questa, per esempio la velocità, le curve e il suono. Detto questo, questa proiezione immersiva è riuscita a trasmettere le sensazioni e a ricreare la realistica atmosfera di guida di una moto. Il feedback che abbiamo ricevuto dai giornalisti invitati è stato molto positivo e sono sicuro che si potrà ripetere l'esperienza in futuro".

Che cosa ha scatenato Takashi Nakamura, un alto dirigente giapponese del dipartimento PR di Honda Motor Company, nel diventare così appassionato ed espressivo? La multinazionale giapponese, il più grande produttore al mondo di veicoli a due ruote, stava cercando di dare un grande impatto con il lancio della sua nuova Honda RC213V-S, una replica stradale della moto di MotoGP con cui Marc Marquez ha vinto i titoli mondiali nel 2013 e di nuovo nel 2014. Quale modo migliore se non quello di presentarla a un evento esclusivo presso il Circuito di Montmelò, in coincidenza con il Gran Premio di Catalogna nel 2015.

Honda ha contattato Newmedia Technology Studio, che ha concepito una spettacolare cupola geodetica per l'occasione con un sistema di proiezione interno in cui la Honda avrebbe potuto presentare la moto al mondo dei media. La cupola, con un diametro di 16 metri e un'altezza di 8 metri, è stata attrezzata con sei proiettori Christie Roadster HD20K-J (tecnologia 3DLP, risoluzione HD, 18000 ANSI lumen) per la proiezione a 360º di un video creato appositamente per l'evento, che avrebbe dato agli spettatori la possibilità di sperimentare di persona la sensazione unica di guidare una moto ad alte prestazioni.

"Quando abbiamo contattato Newmedia cercavamo un ambiente unico. In modo che i giornalisti invitati avrebbero potuto sentire tutta l'emozione e l'alto numero di ottani di un'esperienza unica, ma abbiamo anche voluto che fosse prima di tutto un evento tecnologico", ha ricordato Carlo Fiorani, Racing Operations Manager di Honda Motor Europe e uno degli organizzatori dell'evento, assieme al suo collega Takashi Nakamura. Dopo tutto, la nuova Honda RC213V-S è un'edizione limitata di una moto del valore di oltre €190.000 – la più costosa Honda di sempre - realizzata solo su ordinazione e in fabbrica, in Giappone, ne viene prodotta una sola al giorno.

Diego De Anna, CEO di Newmedia, ha spiegato l'interesse di Honda nel concept della proiezione nella cupola a 360º: "avevamo a che fare con una società hi-tech all'avanguardia che era alla ricerca di un concept innovativo per il suo evento. A questo proposito, le proiezioni in cupola danno al pubblico la possibilità di essere più di semplici spettatori e diventare parte effettiva dell'evento stesso. Fornisce un'esperienza davvero coinvolgente in cui il pubblico partecipa attivamente all'evento reale ed è anche una pausa rispetto alla mappatura video che tutti si aspettano".

Per preparare l'evento è stato necessario installare simmetricamente sei proiettori all'interno della cupola su strutture a due metri di altezza. Cinque di loro proiettano intorno alla base della cupola, mentre il sesto proietta sulla cupola stessa, utilizzando blending e warping per creare un'immagine senza soluzione di continuità.

La superficie di proiezione era di 300 metri quadrati e la risoluzione di 2800 x 2800 pixel. Una breve animazione creata dal New Zealand studio, The Darkroom, è stata proiettata a risoluzione 3K e con formato a piena cupola, dando agli spettatori la sensazione di essere a bordo di una moto lungo diverse strade. A questo è seguito un altro video registrato appositamente per l'occasione e adattato alla curva della cupola, ma in formato 16: 9 e Full HD, in cui si poteva vedere Marc Marquez in sella alla Honda RC213V-S e parlare delle sue impressioni sulla nuova moto.

Le proiezioni sono state gestite con un Delta Media Server di 7thSense, nonché un sistema di controllo spettacolo master Medialon. L'intera installazione è stata cablata per l'Ethernet. "La cosa grandiosa dei proiettori Christie è che si integrano e interagiscono alla perfezione nel flusso di lavoro", ha spiegato Javier Ruiz, direttore della tecnologia di Newmedia.

Ha poi aggiunto che: "inoltre, la luminosità e il contrasto dei proiettori sono eccezionali. E per quanto riguarda il rapporto lumen-peso, è probabilmente l'unico produttore con un prodotto che garantisce così tanta luminosità in un pacchetto così leggero. Inoltre, l'involucro ben sigillato significa rumore minimo. Ma, parlando a titolo personale, la caratteristica più importante dei proiettori Christie è che sono così resistenti e solidi, cosa che li rende particolarmente adatti per l'uso costante in diversi set-up".

Diego de Anna ha sottolineato l'obiettivo del proiettore: "per questo tipo di evento complicato, l'obiettivo è assolutamente fondamentale, perché ci concentriamo non solo al centro della superficie curva, ma anche sui bordi, dove non abbiamo solo uno, ma cinque mix, che non è facile da realizzare. Con l'obiettivo Christie da 1.2 è possibile concentrarsi sul centro e sui lati, questo significa che è possibile ottenere una correzione polare perfetta".

CEO di NewMedia ha sostenuto che non hanno mai nemmeno considerato di lavorare con qualsiasi altra marca diversa da Christie: "Oltre alla qualità del prodotto, che è indiscutibile, la squadra spagnola di back-up del marchio è eccezionale e questo significa molto per noi quando lavoriamo su eventi così complessi, in cui ci sono sempre sfide da risolvere".

Tornando alla manifestazione, i dirigenti della Honda hanno espresso la loro piena soddisfazione per lo spettacolo preparato da Newmedia: "La verità è che le proiezioni erano incredibili e sono rimasto molto colpito dalla qualità e dal grado di immersione raggiunto", ha detto Carlo Fiorani di Honda Motor Europa. "Ci si poteva veramente sentire come se si stesse guidando la moto, che naturalmente era il nostro obiettivo quando decidemmo di organizzare questo evento", ha concluso.

Need  help? Contact us.